Alburni sopra, sotto e in cielo 12/08/2018

I Monti Alburni nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, presentano un territorio ricco di grotte, che gli abitanti del luogo chiamano grave. Qui ritroviamo una grande tradizione speleologica e paesaggi assolutamente unici per l’Appennino Meridionale. Nella notte, l’assenza di inquinamento luminoso permette di osservare un cielo luminoso dove le stelle sono grandi protagoniste…! Leggi tutto “Alburni sopra, sotto e in cielo 12/08/2018”

Campo estivo Alburni 2018

Il Gruppo Speleologico Natura Esplora e La Federazione Speleologica Campana organizzano dal 5 al 19 agosto 2018 un campo di esplorazioni speleologiche sul massiccio degli Alburni con la finalità di proseguire le varie attività in itinere condotte dai vari gruppi (campani e non solo) che orbitano sul massiccio durante tutto l’anno.

La gestione del campo sarà a cura del Gruppo Speleologico Natura Esplora ed avrà come base logistica il Rifugio Aresta, nel comune di Petina (SA).

La partecipazione è aperta a tutti gli speleologi che intendono impegnarsi nelle attività previste dal programma esplorativo e che si impegnino a collaborare alla gestione del campo stesso. Leggi tutto “Campo estivo Alburni 2018”

Relazione Campo Alburni 2017

La Federazione Speleologica Campana con il coordinamento del Gruppo Speleologico Natura Esplora dal  5 al 20 agosto 2017 ha organizza un campo di esplorazioni speleologiche sul Massiccio degli Alburni con base logistica di appoggio presso il Casone Aresta, nel comune di Petina (SA). Il campo ha visto la presenza di 139 persone tra speleologi e non speleologi, così distribuite  55 donne, 72 maschi e 12 bambini (con un età compresa tra i 3 mesi ed i 14 anni) appartenenti a 17 gruppi.

Leggi tutta la relazione

 

Campo estivo Alburni 2017

La Federazione Speleologica Campana con il coordinamento del Gruppo Speleologico Natura Esplora dal 5 al 20 agosto 2017 organizza un campo di esplorazioni speleologiche sul Massiccio degli Alburni con base logistica di appoggio presso il Casone Aresta, nel comune di Petina (SA).
Il campo ha la finalità di proseguire le varie attività già in itinere durante l’anno.
La partecipazione è aperta a tutti gli speleologi che intendono impegnarsi nelle attività previste dal programma.

Programma
– Inghiottitoio I del Parchitiello immersione al fondo ai sifoni di valle e di monte
– Rivisitazione dei sifoni terminali a Grava d’Inverno e Inghiottitoio della Pila 1, Grava di Castiglione
– Rilevo ed esplorazione di alcune cavità in zona Panormo
– Esplorazione sistema dei Buchi
– Battute per ricerca di nuove cavità
– Rivisitazione e documentazione di cavità note di cui mancano documenti recenti

Il programma potrà subire integrazioni e delle variazioni per cause di forza maggiore (condizioni meteo o pericoli) senza alcun preavviso.

Logistica
La quota a persona è di 8 € al giorno e comprende prima colazione e cena.
L’alloggio è in tenda personale nel bosco circostante.
Il rifugio è dotato di gruppo elettrogeno e servizi igienici minimi e l’acqua viene approvvigionata con taniche a 12 km c’è la risorgenza dell’Auso con vasconi dove è possibile lavare se stessi e le attrezzature; pertanto è richiesto un discreto spirito di adattamento e una collaborazione alla gestione campo.
Visti gli obiettivi del campo ed essendo questo autogestito i partecipanti dovranno aderire alle varie iniziative organizzate tralasciando le proprie attività personali ma piuttosto proponendo e condividendo ed attenersi alle indicazioni date dagli organizzatori sia per quanto riguarda le attività in grotta sia in relazione alla gestione della logistica.

Per una miglior organizzazione, si chiede a chi intende partecipare al campo di contattarci via sms al 3299064395 indicando i giorni di presenza

Note per i partecipanti: le grotte hanno una temperatura media circa 8° e sono bagnate pertanto si consigliano in alcuni casi i calzari, se avete una muta portatela potrebbe servire; ognuno deve essere dotato di proprie stoviglie (piatto, bicchiere e posate).